loading
Esercizio fisico diabete legnano

Le persone che soffrono di diabete o di qualsiasi altra malattia non dovrebbero sottovalutare i benefici dell’esercizio fisico. Però prima di iniziare a parare di benefici bisogna fare distinzione tra attività fisica ed esercizio fisico. L’attività fisica comprende tutti i movimenti che aumentano il dispendio energetico, cammino a caso, vado in palestra e faccio esercizi a caso ecc.. mentre l’esercizio è attività fisica strutturata e pianificata in modo da raggiungere un obiettivo.

Fare esercizio fisico con regolarità e in modo ben programmato aiuta le persone a:

  • controllare il peso,
  • abbassare la pressione sanguigna,
  • abbassare il colesterolo LDL (dannoso) e i trigliceridi,
  • aumentare il colesterolo HDL (sano),
  • rafforzare i muscoli e le ossa,
  • ridurre l’ansia e migliorare il benessere generale.

Ci sono ulteriori vantaggi per le persone con il diabete: l’esercizio abbassa i livelli di glucosio nel sangue e aumenta la sensibilità del tuo corpo all’insulina, contrastando la resistenza all’insulina.

Essendo il diabete di tipo II una malattia metabolica caratterizzata da un aumento cronico della glicemia al di sopra del normale, fare esercizio fisico è un compito da portare a termine quasi quotidianamente.

Inoltre, l’esercizio fisico regolare può prevenire o ritardare lo sviluppo del diabete di tipo II. L’esercizio fisico regolare ha anche notevoli benefici per la salute delle persone con diabete di tipo 1 (p. es., miglioramento della forma cardiovascolare, forza muscolare, sensibilità all’insulina, ecc.). 

Il diabete deriva principalmente dallo stile di vita “occidentale”, associato a uno stile di vita sedentario, persone in sovrappeso o con obesità. Il fattore allarmante è che il diabete è sempre più presente nelle popolazioni giovani, iniziando a soffrirne intorno ai 40 anni.

L’International Diabetes Federation ha previsto che il numero di diabetici potrebbe aumentare fino a 438 milioni nel 2030, senza contare il numero di persone con il prediabete (livelli di HbA1c tra 6 e 6,5%).

Associate a questa malattia possono sorgere altre complicazioni per la salute, come la retinopatia, nefropatia e malattie cardiovascolari.

Per migliorare la salute delle persone affetti da diabete e limitare questi rischi associati a questa malattia, l’attuale trattamento combina cambiamenti nello stile di vita, dieta, attività fisica regolare e terapia farmacologica. 

Anche se l’assunzione di farmaci ipoglicemizzanti, ipolipemizzanti e ipotensivi influisce sulla qualità della vita dei pazienti. 

Per quanto riguarda l’attività fisica, l’OMS, l’America Diabetes Association e l’American College of Sports Medicine oggi raccomandano circa 150 minuti a settimana di allenamento aerobico di intensità da moderata ad alta e 2-3 sessioni a settimana di allenamento di resistenza, e questo, per tutti. 

Per capire i reali benefici dell’attività fisica sulle persone affette da diabete di tipo II, e capire se si potrebbe interrompere la terapia farmacologica, abbiamo riassunto uno studio il quale ha cercato di rispondere alle seguenti domande:

Una maggiore attività fisica sarebbe benefica per le persone con diabete di tipo II? 

Esiste una relazione dose-risposta per quanto riguarda il volume dell’attività fisica e i benefici associati? 

E quale sarebbe l’impatto sulla terapia farmacologica di questi pazienti?

Foto di Polina Tankilevitch da Pexels

Lo studio

Per rispondere a queste domande, un team di ricercatori internazionali ha analizzato i dati del loro studio che aveva come obiettivo di analizzare l’impatto del volume di allenamento sull’interruzione del trattamento farmacologico e su varie variabili metaboliche, fattori di rischio delle malattie cardiovascolari. 

Per questo, i ricercatori hanno selezionato 92 pazienti, con diabete tipo 2 da meno di 10 anni, che non assumevano insulina e non avevano un livello di HbA1c superiore a 9%.

I pazienti sono stati divisi in 2 gruppi: un gruppo di cure standard ed un gruppo dove hanno applicato un intervento intensivo sullo stile di vita (U-Turn). 

Per 12 mesi, tutti i partecipanti hanno ricevuto cure standard (consulenza medica e nutrizionale) da un’infermiera all’inizio dello studio e ogni 3 mesi. L’obiettivo per i pazienti era di scendere al di sotto del 6,5% per HbA1c. Se questa velocità veniva raggiunta, il dosaggio dei farmaci assunti veniva dimezzato. Se all’appuntamento successivo questo tasso era uguale, o addirittura inferiore, i farmaci venivano sospesi fino alla valutazione successiva.

Il gruppo U-Turn ha dovuto praticare un’attività fisica ad alto volume:

  • almeno 240 minuti a settimana durante i primi 4 mesi
  • almeno 300 minuti a settimana negli ultimi 8 mesi. 

L’attività fisica combinava attività di resistenza cardiovascolare (60-90% della riserva di frequenza cardiaca) e 2-3 sessioni di allenamento di forza (30’). Hanno anche ricevuto costante consulenza dietetica. 

I partecipanti a questi gruppi hanno dovuto indossare un orologio Polar senza interruzioni per tutto il periodo di studio per monitorare la frequenza cardiaca. Qualsiasi attività di durata inferiore a 10 minuti e la cui intensità fosse inferiore al 57% della frequenza cardiaca massima non è stata considerata come esercizio e quindi non è stata considerata per l’analisi.

Oltre a misurare l’HbA1c, i ricercatori hanno analizzato l’impatto del volume di esercizio sulla composizione corporea, insulinemia a digiuno, glicemia a digiuno, glicemia postprandiale, fitness cardiorespiratorio, assunzione di energia, lipidemia, pressione sanguigna e farmaci ipolipemizzanti e ipotensivi.

Foto di Pavel Danilyuk da Pexels

Risultati e analisi

Infine, i ricercatori hanno ottenuto 3 sottogruppi (tertili) U-TURN in base al volume di esercizio effettivamente eseguito durante i 12 mesi di intervento:

  • U-TURN Low, tra 121-213 minuti a settimana; 
  • U-TURN Medium, tra 261-310 min./settimana; 
  • U-TURN High, tra 355-446 min./settimana.

I principali risultati di questo studio mostrano che l’esercizio fisico è associato a una riduzione del trattamento farmacologico ipoglicemizzante in maniera dose-dipendente . 

Maggiore è il volume dell’esercizio, maggiore è il numero di pazienti che hanno potuto interrompere il trattamento. Rispetto al gruppo Standard, solo i gruppi U-TURN Medio e Alto hanno ridotto significativamente i livelli di HbA1c (rispettivamente -07% e -1,2%).

In termini di variabili di rischio cardiovascolare, solo i gruppi U-TURN Medio e Alto sono stati in grado di ottenere riduzioni significative rispetto al gruppo Standard.

  • Hanno perso più massa corporea, rispettivamente tra 7,2 e 10,9 kg per i gruppi Medio e Alto. 
  • Per quanto riguarda il grasso corporeo, i gruppi Medio e Alto hanno perso rispettivamente 6,6 e 10,6 kg. 
  • Per il livello di trigliceridi, solo il gruppo High U-TURN ha ottenuto una riduzione significativa (0,5 mmol/L) rispetto al gruppo Standard. 
  • Infine, il VO2MAX dei gruppi U-TURN Medio e Alto è aumentato significativamente di più rispetto al gruppo Standard (rispettivamente 7,91 e 9,6 ml/kg/min). 
  • Nessuna differenza è stata osservata tra i gruppi per quanto riguarda una riduzione dell’uso di farmaci ipolipemizzanti e ipotensivi.
Foto di Karolina Grabowska da Pexels

Applicazioni pratiche

Nel T2D, un drastico cambiamento del livello di attività fisica consente miglioramenti della salute e la possibile sospensione dei farmaci ipoglicemizzanti (ma questi ultimi dipendono da diversi fattori come la perdita di grasso, la capacità di recupero delle cellule beta, la fermentazione del microbioma intestinale, ecc. ). 

Tuttavia, affinché questi miglioramenti possano essere osservati nel livello di zucchero nel sangue e nei fattori di rischio cardiovascolare, la quantità di attività fisica deve superare le raccomandazioni ufficiali, che devono fare almeno 150 minuti a settimana.

Se molte persone invocano la mancanza di tempo per praticare attività fisica all’altezza delle raccomandazioni ufficiali, è importante notare che i partecipanti a questo studio hanno saputo trovare il tempo e come mantenere la loro aderenza all’attività fisica per 1 anno, a livelli superiori. 

Infatti, le persone del gruppo High U-TURN hanno praticato fino a più di 400 minuti settimanali (poco meno di un’ora al giorno)… È quindi importante lavorare sull’organizzazione della giornata per trovare il tempo per affrontare il problema alla sua fonte. 

È inoltre essenziale considerare seriamente l’impatto dell’attività fisica. Esiste un’alternativa con l’allenamento a intervalli ad alta intensità, i vantaggi sono simili ma il tempo dedicato all’allenamento è ridotto.

Tuttavia, questo non è il primo studio a dimostrare che la remissione del diabete di tipo II è possibile e che è duratura se anche il cambiamento nello stile di vita è sostenibile. 

Sembra quindi imperativo che tutti i pazienti con diagnosi di diabete di tipo II prendano in mano al più presto la situazione in termini di dieta e attività fisica, per invertire la tendenza a lungo termine.

Se hai il diabete di tipo II, fissa un appuntamento con il tuo medico e discuti con un allenatore Laureato in Scienze Motorie per essere ben informato. 

Referenze

MacDonald CS, Johansen MY, Nielsen SM, Christensen R, Hansen KB, Langberg H, Vaag AA, Karstoft K, Liebeman DE, Pedersen BK and Ried-Larsen M. Dose-Response Effects of Exercise on Glucose-Lowering Medications for Type 2 Diabetes: A Secondary Analysis of a Randomized Clinical Trial. Mayo Clin Proc Article in Press, 2020.

Condividi su

Write a Reply or Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.